Phishing: attenzione ai “pescatori” di dati personali

Data di pubblicazione: 18/03/2022

lI Garante della Privacy ha pubblicato un interessante vademecum in cui viene spiegato in modo chiaro e conciso i rischi per la diffusione di dati personali legati alla minaccia di Phishing, tecnica illecita utilizzata per appropriarsi di informazioni riservate relative a una persona o a un’azienda.

Il «ladro di identità» si presenta, in genere, come un soggetto autorevole (banca, ente pubblico, ecc.) che invita a fornire dati personali per risolvere particolari problemi tecnici legati a c/c bancari, carte di credito, gestione cartelle esattoriali..

In genere, i messaggi di phishing invitano a fornire direttamente i propri dati personali, oppure a cliccare un link dove è presente un form da compilare, per poi utilizzare tali dati in maniera illecita. Se si ricevono messaggi sospetti, è bene non cliccare sui link in essi contenuti e non aprire eventuali allegati.

Una piccola accortezza consigliata è quella di posizionare sempre il puntatore del mouse sui link prima di cliccare: si potrà così leggere in basso a sinistra nel browser dove sarete indirizzati.

I messaggi di phishing sono progettati per ingannare e spesso utilizzano imitazioni di loghi o pagine web di banche, aziende ed enti. Meglio diffidare dei messaggi con toni intimidatori, che ad esempio contengono minacce di chiusura del c/c bancario o di sanzioni se non si risponde immediatamente; possono essere subdole strategie per spingere il destinatario a fornire informazioni personali. 

E’ utile installare e tenere aggiornato sul pc o smartphone un programma antivirus che indirizza automaticamente nello spam la maggior parte dei messaggi di phishing: è bene controllare che tali programmi siano attivati.  

Se si fanno acquisti online, è più prudente usare sistemi di pagamento che permettono di evitare la condivisione di dati del c/c bancario o della carta di creditoPer proteggere conti bancari e carte di credito è bene attivare sistemi di alert che avvisano l’utente di ogni operazione. Nel caso si abbia il dubbio di essere stati vittime di phishing è consigliabile contattare direttamente la banca o il gestore della carta di credito.

Per scaricare il vademecum, clicca qui.

Fonte: Garante per la Protezione dei Dati Personali

Torna alle news

Hai bisogno d'aiuto?

Contattaci
iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei
TUTELIAMO L'AMBIENTE PARTENDO DAI PICCOLI GESTI

Questa schermata permette al tuo computer di risparmiare energia se si trova in stato di inattività.

Cliccando su un punto qualsiasi del monitor potrai ricominciare la navigazione.