Il documento di valutazione dei rischi (D.V.R.)

Richiedi informazioni

D.Lgs. 81/08 Titolo I - Principi Comuni sezione II Artt. 28-30

Chiunque possieda un'attività con soci lavoratori o dipendenti subordinati è obbligato a predisporre la valutazione dei rischi dell'ambiente lavorativo.
Il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), secondo quanto disposto agli artt. 17, 28 e 29 del D.Lgs. 81/08, deve essere predisposto dal Datore di Lavoro per ciascuna unità produttiva.
L’omissione dell’elaborazione del DVR comporta il rischio di incorrere in ammende fino a 4.384,00 euro.

Ai sensi dell'art. 17 del Decreto 81/2008 e s.m.i. il Datore di Lavoro deve effettuare la valutazione dei rischi in azienda sotto la sua responsabilità giuridica, senza possibilità di delegare a terzi tale responsabilità.

Il DVR deve contenere:

  • una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa;
  • l’indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati;
  • il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza;
  • l’individuazione delle procedure per l’attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell’organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri;
  • l’indicazione dei nominativi delle varie figure della sicurezza;
  • l’individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento.

Il DVR può essere richiesto in questi casi:

  • controllo da parte di INAIL, INPS e ASL;
  • assunzione personale dipendente con contratto di apprendistato o formazione;
  • assunzione di personale con l'utilizzo dei voucher;
  • inserimento in ditta di stagisti;
  • partecipazione a gare d'appalto pubbliche di qualsiasi genere;
  • partecipazione a forniture di opere o servizi per qualsiasi ente pubblico queli comuni, regioni, ecc,
  • partecipazione a forniture di opere o servizi per qualsiasi impresa partecipata o di proprietà della pubblica amministrazione;
  • partecipazione a forniture di opere o servizi per qualsiasi impresa privata con filiera di certificazione ISO o similari.

DVR e Smart Working

La modalità di lavoro da casa (o da qualunque altro luogo) non è attivabile a piacimento, ma deve sottostare ad una normativa ben precisa in materia giuslavoristica e di sicurezza sul lavoro.

Per questo periodo, sono state introdotte procedure "semplificate" per attivare accordi di smart working, ma è un’opzione che deve sottostare a precisi obblighi di informativa legata presso i lavoratori e di comunicazione al Ministero del Lavoro. Gli obblighi di informativa sulla salute e sicurezza nel lavoro agile nei confronti dei lavoratori e dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS) sono assolti in via telematica.

Torna agli adeguamenti

Hai bisogno d'aiuto?

Contattaci
iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei
TUTELIAMO L'AMBIENTE PARTENDO DAI PICCOLI GESTI

Questa schermata permette al tuo computer di risparmiare energia se si trova in stato di inattività.

Cliccando su un punto qualsiasi del monitor potrai ricominciare la navigazione.