Trasparenza sui contributi pubblici affidata alla nota integrativa o al sito web

Data di pubblicazione: 26/03/2020

In vista della definizione dei bilanci 2019, ricordiamo l’adempimento in merito alle erogazioni pubbliche.

La normativa di riferimento è costituita dai commi 125 e seguenti dell’articolo 1 della legge 124/17, nella versione emendata dall’articolo 35 del decreto Crescita 34/2019.

Occorre distinguere tra i soggetti citati al comma 125 (Onlus, fondazioni, alcune associazioni e cooperative sociali, queste ultime interessate anche dal comma 125-sexies) – che hanno l’obbligo di pubblicare le informazioni richieste dalla legge nei propri siti o portali digitali, entro il 30 giugno di ogni anno – e le imprese che esercitano le attività commerciali di cui all’articolo 2195 del Codice civile, tenendo presente che le cooperative sociali sono anche imprese commerciali, mentre le attività solo agricole sono disciplinate dall’articolo 2135 del Codice civile.

Per le imprese commerciali, l’obbligo di trasparenza va adempiuto tramite la nota integrativa (anche del bilancio consolidato), ma qui sorge già problema. Nel comma 125-bis è previsto che i soggetti che redigono il bilancio abbreviato in base all’articolo 2435-bis del Codice civile e quelli comunque non tenuti alla redazione della nota integrativa assolvono l’obbligo di trasparenza, entro il 30 giugno, sul proprio sito o sul portale dell’associazione di categoria. È sbagliato assimilare chi redige il bilancio in forma abbreviata (e ha l’obbligo di pubblicare la nota integrativa) da chi può non farlo (come le microimprese di cui all’articolo 2435-ter Codice civile) o è esonerato dagli obblighi di pubblicazione (come le società di persone o le imprese individuali). Trattasi con ogni probabilità di un refuso.

Occorre chiarire inoltre che tanto le società che redigono il bilancio in forma abbreviata, quanto le microimprese non hanno obblighi relativi ad altre forme pubblicitarie. Per quanto riguarda l’oggetto dell’informativa, essa riguarda gli importi e le informazioni relative a sovvenzioni, sussidi, vantaggi, contributi o aiuti, in denaro o in natura, non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria, effettivamente erogati dalle Pubbliche Amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2 Dlgs 165/01 e dai soggetti assimilati di cui all’articolo 2-bis Dl 33/13. Il principio guida è, quindi, quello “di cassa”.

È inoltre importante ricordare che:

  • l’obbligo non scatta se l’importo complessivo annuo incassato non supera i 10mila euro;
  • per gli aiuti di Stato e gli aiuti de minimis contenuti nel Registro nazionale degli aiuti di Stato è sufficiente dare notizia di questo in nota integrativa o sul sito, senza ulteriori dettagli;
  • secondo il Consiglio nazionale dei commercialisti (marzo 2019), la norma sembra fare riferimento alle erogazioni ricevute nell’anno solare, anche se diverso dall’esercizio, per cui, ad esempio, una società con esercizio sociale che chiude il 30 giugno 2020 dovrebbe indicare in nota integrativa le erogazioni ricevute dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019.

Il comma 125-ter infine prevede che l’inosservanza di questi obblighi a partire dal 1° gennaio 2020 comporti una sanzione pari all’1% degli importi ricevuti (con un minimo di 2mila euro), oltre all’obbligo di pubblicazione. La restituzione del beneficio scatta solo in caso di inottemperanza decorsi 90 giorni dalla contestazione. È opportuno specificare che errori o omissioni commessi nel 2019 non sono sanzionabili, neppure dal 1° gennaio scorso in poi.

(Fonte: Il Sole 24 Ore)

Torna alle news

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Contattaci
iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei