Recovery Plan: raggiunta l’intesa sugli aiuti UE

Data di pubblicazione: 11/12/2020

C'è l'accordo su Next Genereration EU, ma ancora attesa per l'approvazione del Recovery Plan italiano.

Il Recovery Plan europeo parte come previsto dal primo gennaio, con un pacchetto di aiuti economici da 750 miliardi di euro destinati ai diversi paesi per finanziare la ripresa post Coronavirus, dei quali 209 miliardi spettano all’Italia.

L’ostacolo rappresentato dal veto di Polonia e Ungheria è stato superato nel corso del vertice del Consiglio Ue del 10 e 11 dicembre. I due paesi hanno accettato il meccanismo di condizionalità sullo stato di diritto, sul quale però è prevista una dichiarazione interpretativa della Commissione.

In ogni caso, parte il piano. Adesso, la palla passa ai diversi stati, che devono presentare ciascuno il proprio PNRR – Piano nazionale di ripresa e resilienza. Il nostro Governo, tuttavia, non ha ancora approvato il piano italiano, limitandosi ad iniziarne l’esame nella seduta del Consiglio dei Ministri dello scorso 7 dicembre.

Il PNRR è quindi ancora in bozza, nella quale la voce più finanziata è quella legata a “rivoluzione verde e transizione ecologica, con 74,3 miliardi (qui ci dovrebbe essere fra le altre cose la proroga del Superbonus al 110%), seguita da digitalizzazione e innovazione, a cui vengono destinati 48,7 miliardi.

(Fonte: pmi.it)

[dpcm] [covid] [covid-19] [coronavirus] [covid 19] [covid19] [pandemia] [epidemia]

Torna alle news

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Contattaci
iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei