Obbligo di Sorveglianza Sanitaria Eccezionale per lavoratori fragili

Richiedi informazioni

D.L. 34/2020 art. 83

L’art. 83 del D.L. 34 del 19 maggio 2020 impone ai Datori di Lavoro, pubblici e privati, la sorveglianza sanitaria eccezionale dei lavoratori maggiormente esposti al rischio, in ragione dell’età, della condizione da immunodepressione e di una pregressa infezione da Covid-19 ovvero da altre patologie che determinano particolari situazioni di fragilità del lavoratore.

Le patologie e le condizioni che impongono l’obbligo di sorveglianza sanitaria eccezionale da parte del Medico Competente sono:

  • Condizioni di immunodepressione e/o immunodeficienza congenita o acquisita e patologie che richiedono terapie immunosoppressive;
  • Patologie oncologiche (tumori maligni) attive negli ultimi 5 anni;
  • Patologie cardiache (ischemie e coronaropatie, ipertensione arteriosa grave scompensata, insufficienza cardiaca, gravi aritmie, portatori di dispositivi tipo pacemaker e defibrillatori);
  • Patologie broncopolmonari croniche (BPCO, asma grave, cuore polmonare cronico, enfisema, fibrosi, bronchiettasie, sarcoidosi, embolia polmonare);
  • Diabete mellito insulinodipendente (specie se scompensato);
  • Insufficienza renale cronica;
  • Insufficienza surrenale cronica;
  • Malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie (aplasie midollari, gravi anemie);
  • Malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinale;
  • Reumoartropatie sistemiche (artrite reumatoide, LES, collagenopatie e connettiviti sistemiche croniche);
  • Epatopatia cronica grave (cirrosi epatica);
  • Gravidanza in corso.

I lavoratori appartenenti a queste categorie dovranno pertanto comunicare al Datore di Lavoro la necessità di sottoporsi a sorveglianza sanitaria eccezionale, senza indicare il motivo o la patologia, semplicemente dichiarando di rientrare in una o più delle categorie fragili sopra elencate.

Torna agli adeguamenti

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Contattaci
iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei