La Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia: istruzioni operative per i luoghi di lavoro

Data di pubblicazione: 06/03/2020

Il Direttore Generale Welfare di Regione Lombardia ha diffuso alcune istruzioni operative per i luoghi di lavoro, al fine di incrementare l’efficacia delle misure di contenimento adottate per contrastare l’epidemia di COVID-19.

Il documento, che alleghiamo, oltre a richiamare la definizione di contatto stretto già formulata dal Ministero della Salute, fornisce “Indicazioni generali da applicare negli ambienti di lavoro”, di seguito sintetizzate.

1. È importante che il datore di lavoro collabori alla diffusione delle informazioni istituzionali in materia;

2. è importante che il datore di lavoro con il Medico Compente e il Servizio di Prevenzione e Protezione:

  • a. raccomandi di evitare contatti stretti con soggetti che presentano sintomi respiratori, che dovrebbero ad ogni buon conto essere allontanati dal luogo di lavoro;
  • b. sensibilizzi rispetto alle condizioni per l’igiene mettendo a disposizione i prodotti necessari per la pulizia delle mani;
  • c. disponga adeguata pulizia dei locali e delle postazioni di lavoro più facilmente toccate da lavoratori e utenti esterni (vedere nel testo integrale raccomandazioni sui prodotti);
  • d. assicuri la frequente ventilazione degli ambienti normalmente e durante le operazioni di pulizia;

3. In generale limitare i contatti tra persone, riducendo le occasioni di aggregazione: ridurre riunioni, favorire lavoro agile, almeno un metro di distanza tra i partecipanti ad eventuali riunioni, regolamentare l’accesso a spazi comuni (mense, sale caffè, ecc.);

4. È importante che il Datore di Lavoro, nell’attuale scenario emergenziale, individui in collaborazione con il Servizio di Prevenzione e Protezione e con il Medico Competente indicazioni di natura organizzativa/gestionale, adeguate alla sua azienda, al profilo di rischio dei suoi lavoratori ed al contesto di esposizione, in grado di assicurare l’adozione della sorveglianza indicata al paragrafo successivo;

5. È importante ai fini della salvaguardia della salute dei colleghi che i dipendenti che hanno avuto contatto stretto con un caso accertato di COVID-19 ne diano comunicazione al Datore di Lavoro e al Medico Competente.

Sorveglianza

Per la sorveglianza delle persone che lavorano e che sono residenti e/o domiciliati in tutti i Comuni di Regione Lombardia esclusi quelli elencati nel DPCM 1 marzo 2020 e successive modificazioni ed integrazioni è necessario che il lavoratore con sintomatologia respiratoria, anche lieve, o il lavoratore asintomatico che riferisce di essere stato nei 14 giorni precedenti a contatto stretto con un caso di COVID-19 sia sospeso dall’attività lavorativa (in allegato le indicazioni per la certificazione congedo lavorativo per quarantena obbligatoria/fiduciaria) e preso in carico dal Medico di Medicina Generale.

Fatti salvi quindi i principi generali di igiene e di affollamento degli ambienti, coerenti con le indicazioni già fornite dal Ministero della Salute nei giorni scorsi, il documento di Regione Lombardia introduce due aspetti fondamentali rispetto alla gestione aziendale:

i. diffusione delle informazioni ai lavoratori;

ii. individuazione di indicazioni organizzative gestionali per la sorveglianza delle persone che lavorano, che prevede la sospensione dall’attività lavorativa dei lavoratori con sintomatologia respiratoria o contatto con caso di COVID-19 (punti 4, 5 e Sorveglianza sopra riportate);

A tal proposito, in allegato si trova una bozza di informativa per i lavoratori che, rispetto a questi due punti, potrebbe essere utilizzata in azienda, dopo adeguata personalizzazione da parte dell’impresa ed eventuale condivisione con Medico competente, RSPP ed RLS.

DOWNLOAD DEGLI ALLEGATI

Torna alle news

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Contattaci
iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei