Il mondo degli incentivi tra scadenze prorogate e bandi congelati

Come l’emergenza coronavirus incide sulle agevolazioni per le imprese.

Bandi “congelati”, scadenze che guardano già all’estate, istruttorie in digitale e misure di supporto alle imprese in arrivo. Il mondo degli incentivi, guidato dalle iniziative del Ministero dello Sviluppo economico e di quello dell’Economia, affronta l’emergenza coronavirus provando a tenersi in equilibrio.
Restano molte incognite da affrontare, come il termine di fine marzo legato al bonus pubblicità.

L’Ufficio brevetti e marchi ha appena disposto il congelamento di tutti i procedimenti di sua competenza fino al 3 aprile. Slitta al 6 maggio il termine iniziale per presentare a Unioncamere le richieste di concessione del contributo sulla misura Marchi+. L’incentivo è finalizzato a rinforzare la tutela dei marchi all’estero, con specifiche misure di sostegno alla capacità innovativa e competitiva delle imprese.

Passa al 22 aprile il termine di inizio presentazione delle domande di accesso a Disegni+. Anche in questo caso, le domande sono finalizzate all’acquisto di servizi specialistici per favorire la messa in produzione di nuovi prodotti correlati a un disegno/modello registrato e la sua commercializzazione.

Al momento è ancora in forse anche la scadenza di un’altra importante agevolazione, i cui termini di richiesta sono fissati tra il 1° e il 31 marzo: entro fine mese bisogna presentare, infatti, la domanda di prenotazione. Si tratta del bonus pubblicità, il credito d’imposta per le imprese, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali relativo agli investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa quotidiana e periodica, anche online, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali. La proroga potrebbe essere decisa nei prossimi giorni.

Il ministero dello Sviluppo economico, oltre ad avere previsto il congelamento dei termini per i bandi legati all’Ufficio brevetti e marchi, si sta anche orientando a fissare termini lunghi per le chiamate partite in questo periodo.

Infine, c’è il fronte di Invitalia, l’agenzia per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa. Le sue attività vanno avanti, sfruttando al massimo digitale e smart working. Quindi, le istruttorie per gli incentivi già attivi, Resto al Sud in testa, procedono. C’è, poi, il fronte dei mutui agevolati concessi da Invitalia alle imprese. Quelli che riguardano gli 11 comuni della prima zona rossa possono già accedere al beneficio della sospensione per dodici mesi del pagamento delle rate, con allungamento dei piani di ammortamento. Questa misura, nelle prossime ore, potrebbe essere estesa a tutto il Paese.

(Fonte: Il Sole 24 Ore)

Data di pubblicazione: 16/03/2020

Torna alle news

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Contattaci
iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professioni