Contributi a fondo perduto Covid: non scatta il blocco in caso di debiti con l’erario di piccola entità

Data di pubblicazione: 15/12/2021

Il Governo ha approvato una norma per “disapplicare” l'art 48-bis del D.P.R. 602 che prevede il blocco dei pagamenti della P.A. in caso di debiti con l'erario superiori a 5.000 euro.

Il Governo ha approvato un decreto-legge che reca "Misure urgenti finanziarie e fiscali".
Secondo la bozza del medesimo, l'art. 3 rubricato "Norma di interpretazione autentica in materia di contributi a fondo perduto per l’emergenza epidemiologica da Covid-19" stabilisce che "le disposizioni che prevedono, in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, l’erogazione da parte dell’Agenzia delle entrate di contributi a fondo perduto, si interpretano nel senso che a tali erogazioni non si applicano le disposizioni di cui all’articolo 48-bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602."

L'art. 3 appena introdotto ha innanzitutto un valore retroattivo e ha lo scopo di disapplicare l'articolo 48 del D.P.R. 602 del 1973 a norma del quale, in caso di debiti con l'erario superiori a 5.000 euro, la Riscossione può disporre il pignoramento presso terzi del credito.

L’introduzione della norma è finalizzata a evitare il blocco dei contributi a fondo perduto elargiti per consentire alle imprese di superare la crisi economica Covid-correlata.

(Fonte: fiscoetasse)

Torna alle news

Hai bisogno d'aiuto?

Contattaci
iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei
TUTELIAMO L'AMBIENTE PARTENDO DAI PICCOLI GESTI

Questa schermata permette al tuo computer di risparmiare energia se si trova in stato di inattività.

Cliccando su un punto qualsiasi del monitor potrai ricominciare la navigazione.