Conciliazione vita-lavoro: nuove regole europee

Il Parlamento europeo rivede le prescrizioni minime sul congedo parentale e sulle modalità di lavoro flessibili per i genitori-lavoratori.

Vanno sotto il nome di “work-life balance”, che si può tradurre con conciliazione vita-lavoro, le nuove misure approvate dal Parlamento di Bruxelles lo scorso 4 aprile, volte a stabilire le prescrizioni minime relative al congedo parentale che tutti gli Stati membri dovranno adottare entro tre anni.

La direttiva definisce una combinazione di misure finalizzate a ridurre le discriminazioni di genere in ambito famiglia/lavoro. Ecco le principali novità che sono state introdotte:

  • congedo di maternità: misure volte a rafforzare l’applicazione delle attuali norme a tutela delle lavoratrici madri ed il ricorso a soluzioni agevolative (compresi spazi e pause per allattamento);
  • congedo di paternità: introduzione di un diritto individuale di 10 giorni lavorativi, retribuiti almeno al livello del congedo per malattia;
  • congedo parentale: diritto a un utilizzo flessibile (tempo parziale, frammentato), quattro mesi di congedo non trasferibile tra i genitori, retribuzione di quattro mesi almeno al livello del congedo per malattia;
  • congedo per i prestatori di assistenza: introduzione di un diritto individuale di 5 giorni lavorativi all’anno, retribuiti almeno al livello del congedo per malattia;
  • modalità di lavoro flessibili: diritto per i genitori di bambini fino a 12 anni e per i caregiver di chiedere flessibilità oraria, di calendario o di luogo di lavoro per un periodo di tempo determinato.

Entro tre anni, dunque, il congedo di paternità dovrà adeguarsi ai nuovi requisiti minimi: almeno dieci giorni lavorativi, retribuzione minima pari all’indennità di malattia, utilizzo nel periodo di nascita del figlio (gli stati membri possono decidere se prevederlo interamente dopo la nascita o comprendere anche periodi antecedenti). Spetta anche al secondo genitore equivalente (nel caso di coppie gay) e deve essere concesso a prescindere dallo stato civile o di famiglia, come definito dal diritto nazionale. Le legislazioni nazionali potranno stabilire altri dettagli: frazionabilità, periodi alternati, tempo parziale.
Novità anche in materia di congedo parentale: sale a due mesi il periodo minimo non trasferibile da un genitore all’altro.

Infine, c’è una norma sui caregiver, in base alla quale ogni lavoratore (uomo o donna) ha diritto ad almeno 5 giorni all’anno di permesso per assistere parenti o familiari malati.

(Fonte: pmi.it)

Data di pubblicazione: 15/04/2019

Torna alle news

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Contattaci
iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professioni