Abrogazione del SISTRI e istituzione del Registro Elettronico Nazionale per la Tracciabilità dei Rifiuti

Adeguamento Compliance
Richiedi informazioni

L. 12/2019

E' stata pubblicata, nella Gazzetta Ufficiale del 12 febbraio scorso, la Legge n. 12 dell’11 febbraio 2019, di conversione del Decreto Legge 14 dicembre 2018, n. 135, recante “disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazione“ (c.d. DL Semplificazioni).

Il provvedimento conferma, all’art. 6, l’abolizione di Sistri dal 1° gennaio 2019.

E’ stata, inoltre, prevista, al comma 3 del citato art. 6, l’istituzione del Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti, gestito direttamente dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, cui sono tenuti ad iscriversi gli enti e le imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti, i produttori di rifiuti pericolosi e gli enti e le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale o che operano in qualità di commercianti ed intermediari di rifiuti pericolosi, i Consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti, nonché, con riferimento ai rifiuti non pericolosi, i soggetti di cui all’art. 189, comma 3 del D.lgs. 152/2006.

Con successivo apposito decreto interministeriale, verranno definite le modalità di organizzazione e funzionamento del Registro elettronico nazionale, le modalità di iscrizione dei soggetti obbligati e di coloro che intendano volontariamente aderirvi, nonché gli adempimenti cui i medesimi sono tenuti, secondo criteri di gradualità per la progressiva partecipazione di tutti gli operatori. Con lo stesso decreto verranno quantificati i diritti di segreteria e l’importo del contributo annuale di iscrizione, oltre che le sanzioni amministrative pecuniarie nel caso di violazione dell’obbligo di iscrizione, mancato o parziale versamento del contributo.

Infine, il provvedimento prevede che, dal 1° gennaio 2019 e fino alla piena operatività del nuovo Registro, la tracciabilità dei rifiuti sarà garantita secondo gli adempimenti e gli obblighi di gestione tradizionali - registri di carico/scarico e formulari – (artt. 188, 189, 190 e 193 D.lgs. 152/2006, nel testo previgente alle modifiche apportate dal D.lgs. 205/2010), nonché le relative sanzioni. Viene anche precisato che gli adempimenti potranno essere esperiti in modalità telematica, secondo quanto previsto dall’art. 194-bis del D.lgs. 152/2006.

Torna agli adeguamenti

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Contattaci
iso 9001audit energeticoquestiobaqfondo professioni