Incentivazione di produzione di energia da fonti rinnovabili

Richiedi informazioni

D.M. 04/07/2019

Agevolarating:

Fondi disponibiliModulisticaEntità agevolazioniProcedura

Il Decreto Ministeriale stabilisce le modalità di incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti eolici onshore, idroelettrici e alimentati da gas residuati dei processi di depurazione, di potenza superiore a 1 kW, nuovi oppure oggetto di intervento di integrale ricostruzione, riattivazione, potenziamento o rifacimento, oltre che da impianti fotovoltaici esclusivamente di nuova costruzione di potenza superiore a 20 kW.

È possibile accedere agli incentivi, sulla base delle caratteristiche dell’impianto e dell’intervento, esclusivamente attraverso:

  • l’iscrizione ai Registri per impianti di potenza inferiore a 1.000 kW;
  • l’iscrizione alle Aste al ribasso per impianti di potenza uguale o superiore a 1.000kW.

Le richieste di iscrizione ai Registri o alle Aste devono essere effettuate, nel caso di impianto singolo, da parte del Soggetto Responsabile e, nel caso di impianti che partecipino come aggregato, da parte dei Soggetti Responsabili e dell’Aggregatore.

Gli impianti risultati in posizione utile nelle graduatorie dei Registri o delle Aste accedono agli incentivi previa presentazione dell’apposita richiesta.

Sono previste 7 successive procedure di Registri e Aste:

  1. dal 30/09/2019 al 30/10/2019;
  2. dal 31/01/2020 al 01/03/2020;
  3. dal 31/05/2020 al 30/06/2020;
  4. dal 30/09/2020 al 30/10/2020;
  5. dal 31/01/2021 al 02/03/2021;
  6. dal 31/05/2021 al 30/06/2021;
  7. dal 30/09/2021 al 30/10/2021.

Per impianti risultati in posizione utile sono previsti limiti temporali specifici per l’entrata in esercizio. Tali termini si applicano a partire dalla data di pubblicazione della relativa graduatoria e sono ricompresi tra i 16 e i 51 mesi, più un eventuale ritardo massimo di 6 o 8 mesi.

L’incentivazione è riconosciuta in riferimento all’energia prodotta netta da impianti a fonti rinnovabili e immessa in rete, cioè al minor valore fra la produzione netta e l’energia effettivamente immessa in rete. Nel caso di impianti oggetto di potenziamento il valore che rileva ai fini della determinazione delle modalità
di accesso agli incentivi corrisponde all’incremento di potenza a seguito dell’intervento.

Sono previste due tipologie di incentivi: una Tariffa incentivante omnicomprensiva (To) o un Incentivo (I), calcolato come differenza tra un valore fissato e il prezzo zonale orario dell’energia. Sono inoltre previsti premi aggiuntivi fino a euro 22,00/MWh per impianti di particolari caratteristiche/tipologie.

Ai fini dell'iscrizione ai Registri e alle Aste, sono individuate le seguenti categorie di impianti:

  • gruppo A: eolici on-shore di nuova costruzione, integrale ricostruzione, riattivazione o potenziamento; fotovoltaici di nuova costruzione;
  • gruppo B: idroelettrici di nuova costruzione, integrale ricostruzione (esclusi gli impianti su acquedotto), riattivazione o potenziamento; a gas residuati dei processi di depurazione di nuova costruzione, riattivazione o potenziamento;
  • gruppo C (impianti oggetto di rifacimento totale o parziale): eolici on-shore; idroelettrici; a gas residuati dei processi di depurazione.

Sono previste cinque possibili categorie di intervento, ammissibili in funzione della fonte, che sono: nuovo impianto (nuova costruzione), integrale ricostruzione, riattivazione, potenziamento e rifacimento.

È consentita l’iscrizione ai Registri o alle Aste anche a impianti che si presentano in forma aggregata.

Riferimento di legge: D.M. 04/07/2019Scadenza: 30-10-2021Documenti allegati (registrati per vederli): 1771_Produzione energia fonti rinnovabili.zip

Torna alle agevolazioni

iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei