Credito d'imposta per strutture alberghiere ed agrituristiche

Agevolazione Growing
Richiedi informazioni

D.L. 83/2014 art. 10 - D.M. 12/02/2015

Agevolarating:

Fondi disponibiliModulisticaEntità agevolazioniProcedura

L’agevolazione consiste in un credito di imposta del 65%, fino a un massimo di euro 200.000,00, delle spese sostenute, e non è cumulabile con la detrazione del 65% per il risparmio energetico.

Possono beneficiare del credito d'imposta:

  • strutture alberghiere con almeno 7 camere: alberghi, villaggi albergo, residenze turistico-alberghiere, alberghi diffusi;
  • strutture agrituristiche come definite dalla L. 96/2006 e dalle pertinenti norme regionali.

Le imprese devono essere esistenti alla data del 01/01/2012.

Le spese devono essere sostenute entro il 31/12/2018.

Gli interventi ammissibili sono i seguenti:

1) interventi di manutenzione straordinaria:

  • rinnovo e sostituzione di parti (anche strutturali) degli edifici;
  • realizzazione e integrazione dei servizi igienico-sanitari e tecnologici, senza alterare la volumetria complessiva e le destinazioni d’uso;
  • frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari, senza alterare la volumetria complessiva e le destinazioni d’uso;

2) interventi di restauro e risanamento conservativo;
3) interventi di ristrutturazione edilizia, quali ad esempio costruzione di servizi igienici, ripristino di edifici o parti di essi eventualmente crollati e demoliti, realizzazione di balconi e logge, sostituzione di serramenti esterni e/o interni;
4) interventi di eliminazione delle barriere architettoniche:

  • rimozione di ostacoli fisici;
  • progettazione e realizzazione di prodotti, ambienti, programmi e servizi utilizzabili da tutte le persone;
  • eliminazione delle barriere sensoriali e della comunicazione;
    Alcune spese ammissibili, a titolo di esempio, sono:
  • rifacimento di scale ed ascensori, inserimento di rampe;
  • realizzazione di impianti sanitari destinati ai portatori di handicap;
  • installazione di sistemi domotici;

5) interventi di incremento dell’efficienza energetica:

  • interventi di riqualificazione energetica;
  • interventi sull’involucro edilizio;
  • interventi di sostituzione integrale o parziale di impianti di climatizzazione;
    Alcune spese ammissibili, a titolo di esempio, sono:
  • installazione di impianti fotovoltaici;
  • coibentazione degli immobili;
  • installazione di pannelli solari termici;

6) adozione di misure antisismiche;
7) acquisto di mobili e complementi di arredo, quali: cucine o attrezzature professionali per la ristorazione; mobili e complementi da interno e da esterno; mobili e arredi fissi; pavimentazioni di sicurezza, arredi e strumenti per la convegnistica, attrezzature sportive e per parchi giochi; arredi e strumentazioni per centri benessere interni alle strutture.

Gli interventi di cui ai punti 1, 2, 3 e 4 devono avere anche finalità di incremento dell’efficienza energetica o di riqualificazione antisismica (punti 5 e 6).
I beni non devono essere ceduti a terzi o destinati a finalità estranee all’esercizio di impresa prima dell’ottavo periodo di imposta successivo.
Spesa massima ammissibile euro 307.692,30.

Termini di presentazione:

  • la compilazione dell’istanza si potrà effettuare esclusivamente dalle ore 10:00 del 21 febbraio – alle ore 16:00 del 21 marzo 2019
  • le domande per il Click day, si potranno inviare esclusivamente dalle ore 10:00 del 3 aprile 2019

Riferimento di legge: D.L. 83/2014 art. 10 - D.M. 12/02/2015Scadenza: 03-04-2019Documenti allegati (registrati per vederli): Info D.L. 83_2014, art. 10 - D.M. 12_02_2015 credito imposta turismo SPOT_N.zip tax credit turismo 2017_2018.zip

Torna alle agevolazioni

iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professioni