Credito d'imposta per canoni di locazione

Richiedi informazioni

D.L. 34/2020 art. 28 e ss.mm.ii.

Agevolarating:

Fondi disponibiliModulisticaEntità agevolazioniProcedura

Credito d'imposta fino al 60%.

Obiettivo: contenere gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Dotazione finanziaria iniziale: euro 1.424.100.000,00 (ulteriori 345.600.000,00 euro stanziati dal Decreto "Ristori" e 312.400.000,00 dal Decreto "Ristori-bis").

Beneficiari: soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a euro 5.000.000,00 nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto (periodo d'imposta 2019).

Possono richiedere il beneficio anche:

  • strutture alberghiere e agrituristiche (ATECO sezione 55), prescindendo dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d'imposta precedente;
  • enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti;
  • soggetti in regime forfettario;
  • imprenditori e imprese agricole, sia che determinino per regime naturale il reddito su base catastale, sia quelle che producono reddito d’impresa.

Per i soggetti con periodo d’imposta corrispondente all’anno solare occorre fare riferimento al periodo d’imposta chiuso al 31/12/2019. Per i soggetti con esercizio non coincidente con l’anno solare, occorre fare riferimento al periodo d’imposta precedente a quello in corso al 19/05/2019.

Requisito per l'ottenimento del beneficio è che i soggetti esercenti attività economica abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi in ciascuno dei mesi di marzo, aprile e maggio di almeno il 50% rispetto allo stesso mese del periodo d’imposta precedente; per gli enti non commerciali non è prevista tale verifica con riferimento all’attività istituzionale.

Ambito di applicazione.

Il credito d’imposta è stabilito in misura percentuale (60% o 30%) in relazione ai canoni:

  • di locazione, di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all'esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo;
  • dei contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, comprensivi di almeno un immobile a uso non abitativo destinato allo svolgimento dell’attività.

Il credito d'imposta è commisurato all’importo versato nel periodo d’imposta 2020 con riferimento a ciascuno dei mesi di marzo, aprile e maggio.
Per le strutture turistico-ricettive con attività solo stagionale, invece sarà commisurato con riferimento all’importo versato per ciascuno dei mesi di aprile, maggio e giugno

Per le imprese operanti nei settori riportati nella tabella di cui all'Allegato 1, indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d'imposta precedente, il credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda spetta altresì con riferimento a ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

E' necessario che il canone sia stato corrisposto per poter fruire del credito.

Il credito d'imposta può, alternativamente: essere utilizzato in compensazione; essere utilizzato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa; essere ceduto al locatore, al concedente o ad altri soggetti compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari, con facoltà di successiva cessione del credito.

L'agevolazione non è cumulabile con il credito d’imposta previsto dall’articolo 65 del decreto legge 17 marzo 2020, n.18 in relazione ai canoni di locazione pagati relativi al mese di marzo (“Credito d’imposta per botteghe e negozi”).

Regime di aiuti: Quadro temporaneo di cui alla Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020 C(2020) 1863 final.

NOVITA' DECRETO RISTORI BIS.

Imprese operanti nei settori di cui all'Allegato 2 e imprese che svolgono attività di cui ai Codici ATECO 79.1, 79.11 e 79.12, con sede operativa nelle aree del territorio nazionale caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto: il credito d'imposta spetta con riferimento a ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre 2020.

[rilancio] [decreto rilancio] [covid] [covid-19] [bonus affitti] [credito d'imposta locazione] [decreto ristori] [ristori bis]

Riferimento di legge: D.L. 34/2020 art. 28 e ss.mm.ii.Scadenza: 31-12-2020Documenti allegati (registrati per vederli): 1893_DL 34_2020 art 28 bonus affitti_MM.zip

Torna alle agevolazioni

iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei