Contributi per la riduzione degli incidenti stradali

Richiedi informazioni

L.R. Lomb. 9/2001 art. 14

Agevolarating:

Fondi disponibiliModulisticaEntità agevolazioniProcedura

Contributo fino al 90% delle spese e fino a euro 60.000,00.

Obiettivo: promuovere la progettazione e la realizzazione di interventi per la sicurezza della circolazione stradale attraverso il miglioramento e la razionalizzazione della segnaletica.

Dotazione finanziaria: euro 3.500.000,00.

Beneficiari:

  • Comuni fino a 30.000 abitanti (Ultimo dato ISTAT disponibile);
  • Unioni di Comuni.

Interventi ammissibili:

  • a) interventi di miglioramento della sicurezza stradale nelle aree urbane (preferibilmente ad elevata incidentalità), attraverso misure di regolamentazione del traffico e riqualificazione del sistema viario, realizzate mediante il miglioramento e la razionalizzazione della segnaletica stradale;
  • b) messa in sicurezza di punti, tratte critiche, itinerari della rete stradale attraverso progetti mirati di segnaletica orizzontale, verticale e luminosa ed opere complementari;
  • c) messa in sicurezza di attraversamenti pedonali, ciclabili e ciclo-pedonali;
  • d) messa in sicurezza di piste, percorsi ciclo pedonali, percorsi pedonali;
  • e) installazione di nuovi impianti semaforici anche pedonali e ciclopedonali;
  • f) lavori per sistemazione di pertinenze e di aree urbane, impianti e servizi per la messa in sicurezza della sede stradale, banchine di fermata per TPL, isole salvagente, arredo urbano specifico per interventi di “traffic calming”.

Non sono ammessi progetti già oggetto di cofinanziamento, a seguito della partecipazione ad altri bandi regionali o ministeriali o dell’Unione Europea, né progetti di opere già in gara d’appalto o in fase di realizzazione.

Importo minimo di progetto: euro 15.000,00 per Comuni con popolazione residente fino a 5.000 abitanti; euro 20.000,00 per Unioni di Comuni e per Comuni con popolazione residente compresa tra 5.001 e 10.000 abitanti; euro 25.000,00 per Comuni con popolazione residente compresa tra 10.001 e 30.000 abitanti.

Spese ammissibili:

  • lavori e forniture per la realizzazione di opere pubbliche;
  • spese tecniche per progettazione, direzione lavori, studi e rilievi, comprensive di IVA e contributi, nella misura massima del 10% dell’importo lavori (calcolato comprendendo l’IVA). L’importo delle spese tecniche, così determinato, concorre alla copertura dei costi netti delle prestazioni (IVA e contributi esclusi);
  • analisi d’incidentalità e dei fattori di rischio in fase di progettazione, realizzazione ed esercizio, nella misura massima del 10% dell’importo lavori (calcolato comprendendo l’IVA). L’importo delle spese tecniche, così determinato, concorre alla copertura dei costi netti delle prestazioni (IVA e contributi esclusi);
  • espropri (max 5% dell’importo totale del progetto);
  • incentivi per funzioni tecniche ex art.113 D.Lgs. n. 50/2016;
  • allacciamenti elettrici;
  • oneri per la sicurezza;
  • oneri di collaudo;
  • IVA.

Entità del contributo:

  • Comuni con popolazione residente fino a 5.000 abitanti: 90%, max. euro 40.000,00;
  • Unioni di Comuni: 90%, max. euro 50.000,00;
  • Comuni con popolazione residente compresa tra 5.001 e 10.000 abitanti: 80%, max. euro 50.000,00;
  • Comuni con popolazione residente compresa tra 10.001 e 30.000 abitanti: 70%, max. euro 60.000,00.

Tipologia di istruttoria: valutativa a graduatoria.

Termini di presentazione delle domande: di prossima pubblicazione.

[sicurezza stradale] [incidenti] [regione] [contributi] [enti locali] [enti pubblici]

Riferimento di legge: L.R. Lomb. 9/2001 art. 14Note scadenza: Bando di prossima pubblicazioneDocumenti allegati (registrati per vederli): 1709_bando 2020.zip

Torna alle agevolazioni

iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei