Contributi all'editoria speciale periodica

Richiedi informazioni

D.Lgs 70/2017

Agevolarating:

Fondi disponibiliModulisticaEntità agevolazioniProcedura

Contributo fino al 50% dei ricavi conseguiti nell’anno di riferimento.

Beneficiari: cooperative giornalistiche, enti senza fini di lucro e imprese possedute interamente da enti senza fini di lucro, quotidiani e periodici delle minoranze linguistiche, imprese ed enti che editano periodici per non vedenti o ipovedenti, associazioni di consumatori, imprese editrici di quotidiani e periodici diffusi all’estero, radio e tv locali.

I criteri di calcolo dei contributi sono definiti in parte come rimborso di costi e in parte in base al numero di copie vendute. Viene riconosciuto anche un rimborso dei costi connessi all’edizione digitale in quanto potranno ricevere il contributo solo le imprese che pubblicheranno un’edizione digitale, oltre a quella cartacea, del loro periodico.

Sono previsti tre scaglioni di contributo riferiti al numero di copie realmente vendute.

Sono esclusi, oltre ai giornali di partito, le imprese editrici di quotidiani e periodici che fanno capo a gruppi editoriali quotati o partecipati da società quotate.

Per accedere al contributo bisogna avere giornalisti assunti.

Criteri di calcolo dei contributi: una parte viene dal rimborso di costi (personale, acquisto carta e stampa, distribuzione, abbonamenti ai notiziari di agenzie di stampa, costi connessi alla produzione dell’edizione digitale, etc.) e una parte viene determinata in base al numero di copie vendute. Vengono riconosciuti in percentuale più alta i costi connessi all’edizione digitale, al fine di sostenere la transizione dalla carta al web.

Termini di presentazione delle domande: entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello di riferimento del contributo.

Riferimento di legge: D.Lgs 70/2017Scadenza: 31-03-2020Documenti allegati (registrati per vederli): 1706_Contributi a editoria speciale periodica.zip

Torna alle agevolazioni

iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei