Contributi a ricerca, sviluppo e innovazione in microelettronica

Richiedi informazioni

D.M. 30/11/2019

Agevolarating:

Fondi disponibiliModulisticaEntità agevolazioniProcedura

Al fine di dare attuazione al progetto di interesse comune europeo (Important Project of Common European Interest) sulla microelettronica e sostenere iniziative fortemente innovative ovvero di importante valore aggiunto alla luce dello stato dell’arte del settore, si intende disciplinare le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione nell’ambito dell’IPCEI microelettronica, con riferimento ai seguenti 5 settori tecnologici:

  • a. chip efficienti sul piano energetico;
  • b. semiconduttori di potenza;
  • c. sensori intelligenti;
  • d. attrezzatura ottica avanzata;
  • e. materiali compositi.

La dotazione prevede euro 50.000.000,00 per ciascuno degli anni 2019 e 2020, 60.000.000,00 per il 2021 e 83.400.000,00 per ciascuno degli anni dal 2022 al 2024.

Beneficiari: soggetti individuati dalla Decisione di autorizzazione dell’IPCEI Microelettronica selezionati dallo Stato italiano; essi devono essere costituiti e regolarmente iscritti al Registro delle imprese.
Possono essere ammessi al sostegno del Fondo IPCEI Microelettronica anche ulteriori soggetti, previa notifica e successiva approvazione da parte della Commissione europea.

Sono ammissibili i progetti che prevedono lo svolgimento di attività di ricerca, sviluppo e innovazione e quelle relative alla prima applicazione industriale, ivi compresa la disseminazione dei risultati, sostenuti dallo Stato italiano secondo quanto stabilito nella Decisione di autorizzazione dell’IPCEI Microlettronica.

I progetti devono essere attuati secondo quanto disciplinato nella Decisione di autorizzazione dell’IPCEI Microlettronica, realizzando le attività e perseguendo gli obiettivi realizzativi ivi previsti.

Spese ammissibili:

  • spese relative a studi di fattibilità, compresi studi preparatori tecnici, e costi per ottenere le autorizzazioni necessarie;
  • costi relativi a strumentazione e attrezzature;
  • costi relativi all’acquisto (o alla costruzione) di fabbricati, di infrastrutture e di terreni;
  • costi di altri materiali, forniture e prodotti analoghi;
  • costi sostenuti per ottenere, convalidare e difendere i brevetti e altri attivi immateriali, costi per la ricerca contrattuale, le competenze e i brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato, nonché costi per i servizi di consulenza e servizi equivalenti;
  • spese amministrative (comprese le spese generali) e di personale direttamente imputabili alle attività di ricerca, sviluppo e innovazione;
  • per la prima applicazione industriale, le spese in conto capitale (CAPEX) e le spese operative (OPEX);
  • altri costi possono essere accettati se giustificati e laddove siano inestricabilmente connessi alla realizzazione del progetto.

L’effettiva implementazione dell’aiuto è soggetta alla preventiva approvazione della Commissione europea e, pertanto, le agevolazioni del Fondo IPCEI Microelettronica sono concesse nelle forme e nei limiti previsti dalla Decisione di autorizzazione dell’IPCEI Microelettronica.
L’agevolazione massima concedibile è rappresentata dal deficit di finanziamento, calcolato in valore nominale rispetto ai costi e alle spese ammissibili relativi alle attività previste dai progetti autorizzati dalla Decisione di autorizzazione dell’IPCEI Microelettronica.

Riferimento di legge: D.M. 30/11/2019Note scadenza: Bando di prossima pubblicazioneDocumenti allegati (registrati per vederli): 1844_Microelettronica.zip

Torna alle agevolazioni

iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei