Agevolazioni per studi di fattibilità in mercati esteri

Richiedi informazioni

D.M. 07/09/2016 e s.m.i.

Agevolarating:

Fondi disponibiliModulisticaEntità agevolazioniProcedura

simest85_fattibilit.png

Finanziamento, a tasso agevolato e fino al 100% delle spese, per studi di fattibilità finalizzati a valutare l'opportunità di effettuare un investimento commerciale o produttivo in Paesi esteri.

Possibilità di ottenere una parte del finanziamento a fondo perduto.

Beneficiaritutte le imprese, in forma singola o aggregata sotto forma di "Rete Soggetto", e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

Esclusioni: imprese operanti nei settori di attività esclusi ai sensi dell'art. 1 del regolamento UE n. 1407/2013.

Caratteristiche dell'agevolazione.

Finanziamento a tasso agevolato delle spese di personale, viaggi e soggiorni per la redazione di studi di fattibilità collegati a investimenti produttivi o commerciali in Paesi esteri.
Per il personale interno sono ammesse esclusivamente spese per viaggi, soggiorni e indennità di trasferta; per il personale esterno sono ammesse spese per compensi, viaggi e soggiorni.
Può rientrare anche il costo del personale interno dell’azienda italiana richiedente fino a un massimo del 15%.
Possono essere oggetto di finanziamento agevolato le spese sostenute nel periodo di realizzazione dell’iniziativa. È consentita una compensazione tra gli importi delle singole voci di spesa del preventivo fino ad un massimo del 30%, fermo restando l’ammontare totale dello stesso preventivo.

Il finanziamento può coprire fino al 100% dell'importo delle spese preventivate, fino al 15% del fatturato medio dell'ultimo biennio.

Importo massimo finanziabile: euro 200.000,00 per studi collegati a investimenti commerciali e euro 350.000,00 per studi collegati a investimenti produttivi.

Durata del finanziamento: 4 anni, di cui 12 mesi di preammortamento.

Ulteriori benefici per le imprese:

  • possibilità di richiedere l'esenzione dalle garanzie per le domande presentate entro il 30/06/2021;
  • possibilità di ottenere una parte del finanziamento a fondo perduto in base al temporary frameworkfino al 31/12/2021, la quota di co-finanziamento a fondo perduto potrà essere riconosciuta fino al limite del 25% dell’importo totale del prestito richiesto, tenuto conto delle risorse disponibili e dell’ammontare complessivo delle domande di finanziamento presentate;
  • rimborso quota restante a tasso agevolato pari al 10% del tasso di riferimento UE. 

Gli studi di fattibilità devono riguardare lo stesso settore di attività dell'impresa richiedente o del suo Gruppo di appartenenza. Gli studi possono essere relativi a tutti i paesi esteri. Ogni singola domanda deve riguardare uno studio da realizzare in un solo Paese. Fermo restando tale limite, l'impresa può presentare più domande di finanziamento contemporaneamente.

Le spese sono finanziabili dalla data di arrivo della domanda di finanziamento a SIMEST e fino a 12 mesi dopo la data della stipula del relativo contratto di finanziamento.

Regime di aiuto

  • esenzione dalle garanzie e finanziamento agevolato: de minimis;
  • fondo perduto: temporary framework.

Ogni impresa richiedente dovrà aprire un conto corrente dedicato che verrà utilizzato per l’erogazione del/i finanziamento/i accordato/i da SIMEST e per tutti i movimenti in entrata e uscita attinenti il finanziamento ai fini di ammissibilità delle spese sostenute durante il periodo di realizzazione dell’iniziativa finanziata.

Termini di presentazione delle domande: dalle ore 9.30 del 28 ottobre 2021 fino ad esaurimento fondi.

[sace] [simest] [cassa depositi e prestiti] [internazionalizzazione] [extra ue] [fattibilità] [nuovi mercati]

Riferimento di legge: D.M. 07/09/2016 e s.m.i.Note scadenza: Dal 28/10/21 fino ad esaurimentoDocumenti allegati (registrati per vederli): 85_2020_M.zip

Torna alle agevolazioni

iso 9001audit energeticoinnex hubquestiobaqfondo professionifondazione brescia musei