Il formulario rifiuti

News pubblicata il 06/07/2017

D.Lgs. 152/06

Il Formulario di identificazione dei rifiuti rappresenta un documento che il Produttore [2] del rifiuto compila in occasione della sua movimentazione, ed in particolare nel momento in cui Egli intende e/o deve inviarlo agli impianti di destinazione prescelti, di recupero oppure di smaltimento.

Ad esso si affianca il c.d. “Registro di Carico e Scarico”  (“RCS”), il quale viene utilizzato per attestare l’assunzione della responsabilità sul rifiuto (operazione di “carico”), e, successivamente la sua decadenza (operazione di “scarico”): la sua compilazione deve necessariamente precedere e rimane propedeutica a quella del Formulario.

Assieme al Modello Unico di Dichiarazione Ambientale (“MUD”, ex Legge n. 70/1994, da compilare, per l’anno 2017, entro il prossimo 2 Maggio, con l’indicazione della quantità e qualità dei rifiuti prodotti lo scorso anno), Registri e Formulari (le cui informazioni devono essere rese disponibili per i controlli in qualsiasi momento), costituiscono il c.d.”Modello cartaceo” con cui viene delineato il ciclo di vita del rifiuto, dal momento della sua produzione sino a quello di recupero oppure smaltimento, al fine di favorire il controllo da parte delle Autorità competenti.

Tale modello si affianca a quello informatico del SISTRI (Sistema Informatico di Tracciabilità dei Rifiuti, istituito con DM Ambiente nel Dicembre del 2009), avente ad oggetto esclusivamente il tracciamento dei rifiuti speciali pericolosi prodotti da aziende con più di 10 Dipendenti (a seguito del DM Ambiente 24 Aprile 2014).