infortuni lavoro

Relazione annuale INAIL: un quadro su infortuni e malattie nel 2017

Diminuiscono gli incidenti mortali e le malattie professionali mentre rimangono sostanzialmente stabili gli infortuni sul lavoro nel rapporto fra 2016 e 2017. Discorso diverso quello relativo al raffronto sul quinquennio: rispetto al 2012 diminuiscono infortuni mortali e non ma aumentano le malattie professionali.

È questo, in estrema sintesi, il quadro che emerge dalla relazione annuale INAIL riguardante il 2017 che traccia il contesto preciso del tema della sicurezza e la salute nel luogo di lavoro. Un tema che, anche a livello politico viene più volte richiamato trasversalmente come prioritario perché nonostante sia un fenomeno in attenuazione (anche se i dati che vengono riportati in questa guida riguardanti i primi cinque mesi del 2018 non confortano questa convinzione e risultano in controtendenza), i numeri di riferimento sono ancora molto elevati.

La considerazione di base sulla quale si stanno attuando molte campagne di sensibilizzazione è legata ad un aspetto che, in molti casi, viene considerato erroneamente secondario: dietro ad ogni infortunio sul lavoro non c’è solo un lavoratore, ma c’è in primo luogo una persona. Ci sono una famiglia, un dramma che spesso ha strascichi per molto tempo, conseguenze non prevedibili. Da questa consapevolezza nasce l’esigenza di trasformare il tema della sicurezza in un tema culturale, con un approccio di natura teorica oltre che meramente normativa.

Nelle pagine successive trovi:

  • un’analisi dettagliata della relazione annuale dell’INAIL;
  • l’intervista a Franco Bettoni, presidente ANMIL onlus.

Se sei interessato all'argomento consulta anche il nostro servizio di consulenza sicurezza sul lavoro.

Torna alle guide

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Contattaci
iso 9001World Certification Services Ltd - ISO 9001fondo professioniFondo Paritetico Interprofessionale NazionaleL'avviso 02/18 finanzia la partecipazione ad attività formative a catalogo accreditate per un importo complessivo di € 1.000.000,00 (unmilione/00). Ogni Studio/Azienda può partecipare a più di un’attività formativa individuale a catalogo, per un contributo pari all’ 80% dell’imponibile I.V.A. di ogni singola iniziativa, fino ad un valore complessivo massimo di € 1.500,00 (millecinquecento/00) di contributo.questioQuestio 2016baqBollino blu per le imprese che fanno alternanza scuola lavoro