Privacy: entro il 18 dicembre vanno sanate le sanzioni comminate prima del 25 maggio 2018

Ridotte ai due quinti del minimo edittale e oggetto dell'attività di condono del Garante: le sanzioni antecedenti la data di entrata in vigore del GDPR possono essere estinte prima del 18 dicembre usufruendo dell'agevolazione

E’ entrato in vigore il 19 settembre e rappresenta il secondo testo normativo di riferimento sul tema della privacy. Va ormai delineandosi il quadro al quale attenersi per le aziende italiane: oltre al più volte citato GDPR 679/2016, che è la madre europea della disciplina sulla privacy, infatti, ora il decreto legislativo 101 ha ufficialmente recepito le nuove dinamiche legate al trattamento dei dati personali.

Quel che aspetta il Garante è dunque un superlavoro composto da tre attività principali: gestire i contenziosi pregressi all’entrata in vigore del nuovo regolamento, monitorare l’applicazione della normativa subentrata e sviluppare l’azione di condono delle sanzioni comminate prima del 25 maggio dell’anno in corso.

In questo ultimo caso, in particolare, coloro che sono stati destinatari di una sanzione per violazioni riguardanti i regolamenti comminate prima del 25 maggio 2018, potranno sanare la loro posizione pagando una sanzione ridotta (due quinti del minimo edittale) per chiudere il loro conto con la giustizia sul tema della privacy. 

Il tutto entro e non oltre il 18 dicembre dell’anno corrente.  

(Fonte: Sole 24 Ore)

Data di pubblicazione: 08/10/2018

Torna alle news

iso 9001World Certification Services Ltd - ISO 9001fondo professioniFondo Paritetico Interprofessionale NazionaleL'avviso 02/18 finanzia la partecipazione ad attività formative a catalogo accreditate per un importo complessivo di € 1.000.000,00 (unmilione/00). Ogni Studio/Azienda può partecipare a più di un’attività formativa individuale a catalogo, per un contributo pari all’ 80% dell’imponibile I.V.A. di ogni singola iniziativa, fino ad un valore complessivo massimo di € 1.500,00 (millecinquecento/00) di contributo.questioQuestio 2016baqBollino blu per le imprese che fanno alternanza scuola lavoro