Medicina del lavoro - Sorveglianza sanitaria

La valutazione dei rischi, così come definita dal Testo Unico in materia di sicurezza e salute (D.Lgs. 81/08 e smi coordinato al D.Lgs. 106/09) deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati alle malattie professionali.

Sono soggette a Sorveglianza sanitaria tutte le imprese (come da Art. 3 comma 1) con lavoratori dipendenti con qualsiasi tipologia di contratto appartenenti a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le tipologie di rischio. La Sorveglianza sanitaria deve essere attivata tramite la nomina del Medico del lavoro che effettuerà, a partire dalla visita pre-assuntiva (o di idoneità alla mansione), le visite necessarie al singolo lavoratore ai fini della sua salute e sicurezza per la prevenzione o protezione dello stesso o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. Con il D.lgs 81/2008, sono stati definiti i nuovi contenuti e la modalità di trasmissione delle informazioni relativi ai dati aggregati e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria.

Sulla Gazzetta Ufficiale del 26 luglio 2012 è stato pubblicato il Decreto 9 luglio 2012 - Contenuti e modalità di trasmissione delle informazioni relative ai dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori, ai sensi dell'articolo 40 del decreto legislativo 81/2008 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Il decreto definisce i nuovi contenuti minimi delle cartelle sanitarie e di rischio e stabilisce le modalità di trasmissione delle informazioni che devono essere comunicate annualmente ai servizi competenti per territorio, relative ai dati collettivi aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria.

L'art. 2 del decreto indica il medico competente come responsabile della raccolta, dell'aggiornamento e della custodia delle informazioni. Lo stesso articolo precisa che per la mancata fornitura da parte del Datore di lavoro delle informazioni di propria esclusiva pertinenza non può essere imputata alcuna responsabilità al medico competente che le abbia richieste.
Per effettuare una corretta SORVEGLIANZA SANITARIA effettuiamo il seguente servizio:

  • sopralluogo presso l'ambiente di lavoro;
  • analisi del ciclo produttivo e delle specifiche mansioni;
  • identificazione delle figure soggette a visite mediche;
  • individuazione / nomina del Medico competente;
  • realizzazione visite mediche;
  • rilascio idoneità alla mansione con o senza limitazioni;
  • redazione e invio Piano di Sorveglianza Sanitaria;
  • gestione scadenziario delle visite mediche.

Scopri il corso RSPP più adatto alla tua azienda!

SAEF fornisce consulenza per la prevenzione, protezione e gestione del rischio calibrato sulle reali necessità della vostra azienda.

Sanzioni

Sapete che per la mancata effettuazione della Valutazione dei Rischi si può incorrere in sanzioni quali l'arresto da 3 a 6 mesi o un'ammenda da € 2.740,00 fino a € 7.014,40? Scoprite tutte le sanzioni per i mancati adempimenti in materia di prevenzione, protezione e gestione del rischio per la vostra azienda.