Agevolazione Growing

AL VIA - Valorizzazione investimenti aziendali

POR FESR Lomb. 2014-2020 Asse III Azione 3.3.C.1.1

Sono previste tre tipologie di intervento:
FINANZIAMENTO: finanziamento dal 85 al 95% delle spese, da un minimo di euro 50.000,00 a un massimo di euro 2.850.000,00. Durata massima 6 anni incluso preammortamento (max. 18 mesi).

CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE A FONDO PERDUTO: 
a) Per la Linea sviluppo aziendale: fino al 10% delle spese ammissibili - 15% nel caso di premialità (per programmi di riconversione 'area Expo', investimenti incentivanti in modelli di Manifattura 4.0, capacità aggregativa, certificazione ambientale).
b) Per la Linea Rilancio Aree produttive: fino al 15% delle spese ammissibili.

GARANZIA: garanzia a costo zero fino al 70% dell'importo di ogni singolo finanziamento.

Possono presentare domanda piccole medie imprese lombarde operative da almeno 24 mesi aventi codice primario ATECO appartenente ad una delle seguenti categorie: C – Attività manifatturiera; F- Costruzioni; H – Trasporto e magazzinaggio; J - Servizi di informazione e comunicazione;M – Attività professionali, scientifiche e tecniche; N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese.

Per le categorie indicate è prevista l’esclusione di alcuni codici in coerenza con la programmazione regionale, la normativa nazionale e comunitaria di settore.

Le PMI iscritte all’Albo delle imprese agromeccaniche possono presentare domanda indipendentemente dal codice primario di appartenenza.

Il richiedente potrà presentare domanda su una delle due seguenti linee di intervento:

LINEA SVILUPPO AZIENDALE: Investimenti da realizzarsi nell’ambito di generici piani di sviluppo azien­dale;

LINEA RILANCIO AREE PRODUTTIVE: Investimenti per lo sviluppo aziendale basati su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo legati a piani di riqualificazione e/o riconversione territoriale di aree produttive, tra cui, a titolo esemplificativo, quelli in “aree urbane compromesse”, o in aree dismesse, degradate o sottoutilizzate, attraverso la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente per le quali è previsto il coinvolgimento propositivo delle pubbliche amministrazioni, tra cui i Comuni. 

Sono ammissibili le seguenti spese:

LINEA SVILUPPO AZIENDALE
Spese sostenute successivamente alla presentazione della domanda: macchinari, impianti specifici e attrezzature, ar¬redi nuovi di fabbrica necessari per il consegui¬mento delle finalità produttive; sistemi gestionali integrati (software & hardware); acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione; opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati (max. 20% delle spese ammissibili).
Sono ammissibili spese da un minimo di 53.000,00 fino ad un massimo di 3 milioni di euro per impresa.
Le spese devono essere presentate entro 12 mesi dalla concessione.

LINEA RILANCIO AREE PRODUTTIVE
Spese sostenute successivamente alla presentazione della domanda: macchinari, impianti specifici e attrezzature, ar¬redi nuovi di fabbrica necessari per il consegui¬mento delle finalità produttive; sistemi gestionali integrati (software & hardware); acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione; opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati, acquisto di proprietà/diritto di superficie in relazione ad im¬mobili destinati all’esercizio dell’impresa (max. 50% delle spese ammissibili).
Sulla Linea Rilancio Aree Produttive sono ammissibili spese da un minimo di 53.000,00 euro fino ad un massimo di 6 milioni di euro.
Le spese devono essere presentate entro 12 mesi dalla concessione.

Le domande possono essere presentate dal 5 luglio 2017 fino al 31 dicembre 2019. Le domande verranno valutate in ordine cronologico secondo un criterio di merito.

Riepilogo

Riferimento di legge: POR FESR Lomb. 2014-2020 Asse III Azione 3.3.C.1.1Scadenza: 31-12-2019Note scadenza: salvo esaurimento fondiDocumenti allegati (registrati per vederli): bando ALVIA.zip

Torna alle agevolazioni

iso 9001World Certification Services Ltd - ISO 9001fondo professioniFondo Paritetico Interprofessionale NazionalequestioQuestio 2016